389 1671634     [javascript protected email address]

Blog / Arduino

Hardweb sviluppa progetti in linguaggio C sfruttando le potenzialità di Arduino, ed esegue corsi di formazione per studenti e professionisti che desiderano imparare a programmare queste schedine dalle mille applicazioni.

Filtrare ingressi e uscite di Arduino per prevenirne il riavvio spontaneo

Condividi questo post:

Vi è mai capitato di avere problemi di riavvio spontaneo della schedina Arduino, o di vedere simboli strani simili a geroglifici comparire sul display?

Se la risposta è si allora avete un problema legato a possibili disturbi che finiscono col mettere in crisi il microcontrollore Atmel, probabilmente dovuto a relé, attuatori, bobine o altri componenti e apparecchi che producono campi o impulsi elettromagnetici più o meno forti e non adeguatamente filtrati.

La prima cosa da fare quindi è filtrare correttamente l’alimentazione di Arduino, soprattutto nel caso di connessione diretta ad un alimentatore a 12V switching.

Potete usare una piccola porzione di millefori per realizzare un microfiltro veramente molto efficace; vi basterà un condensatore da 100nF in poliestere ed un condensatore elettrolitico da 470 uF in parallelo tra loro, oppure potrete applicare la modifica direttamente sull’alimentatore o sul convertitore DC-DC se ne state utilizzando uno.

Ecco un esempio semplicissimo:

In seconda battuta, se la soluzione precedente non ha contribuito a risolvere il problema in modo significativo, abbiamo la possibilità di tentare altre due strade, ossia iniziare a filtrare gli ingressi (solitamente sensori e pulsanti).

Ecco come filtrare un pulsante: Si collega un condensatore da 0.1uF in poliestere tra il pin di ingresso di arduino e il polo opposto.

Nel caso di un pin che riceve una tensione negativa, si collega l’altro capo del condensatore al positivo e viceversa.

E’ consigliabile in questi casi filtrare anche le uscite, come ad esempio il pin di output che gestisce il movimento di un servomotore, il principio è il medesimo, cambia solo il valore del condensatore che dovrà essere di 10nF in poliestere.

I pin negli esempi sono chiaramente a puro scopo esemplificativo, voi potrete usare i pin che volete.

Con questo articolo spero di aver dato uno spunto di partenza per tutti coloro che si sono imbattuti in problemi ostici come quelli dei disturbi, che fanno veramente perdere un sacco di tempo.

Se avete domande scrivete un commento!

Discussione e Commenti

Post che potrebbero interessarti

Vuoi risolvere un problema? Chiamaci al 389 1671634
o mandaci una mail a [javascript protected email address]

Ti risponderò personalmente per qualsiasi necessità o emergenza, anche tramite un messaggio Whatsapp! Invia una mail